Ecco il coraggioso asso della prima guerra juventino-partenopea…

… mentre si mimetizza abilmente tra la folla carnascialesca per assistere all’agone serale, evitando di indossare ed esibire evidenti simboli e vessilli della Juventus in prossimità dello stadio.