Il cazzeggio al tempo dei social. #Guardiola #Juventus

Tutto stavolta è nato per caso, da uno scivolone di un noto giornalista, che ha preso per buona una fake news su Guardiola. Capita anche ai migliori, per carità. Ma al tempo dei social, ‘a livella di Totò scatta inesorabile per molto meno, tra sberleffi e spettacoli d’arte varia.

Dice: sì, ma la casta è casta e va, sì, rispettata!

E la chiosa è d’obbligo.
‘Nu rre, ‘nu ggiornalista, ‘nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto, ‘a casta e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti’… nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino – che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e sciem’:
e nuje simmo sciem’… appartenimmo a ‘o sociàl!
E così, ci ho giuocato un po’ su, su Twitter.
Un giuochino potenzialmente infinito, avendo tempo energie e soldi da sperperare cazzeggiando. Ma non oggi.