#BayerLeverkusenJuventus. Le #pagellonze sonnacchiose (indainside) #Juventus

Buffy

Reduce dall’erroraccio col Sassuolo, riappare per una fredda comparsata prenatalizia cempionica, sbrigando le faccende di casa senza troppe ansie, ché alla sua veneranda età non fanno bene.

Rughy

Calmo, compassato, quasi soporifero.

Demy

Nervoso, frenetico, quasi indiavolato.

Dany

Stavolta convincente. Incoraggiante.

Descy

Ottimo e abbondante, il mio storico pupillo.

Pjany

Chi va pjany, etc. Tiene il tempo senza sbavature.

Raby

Ne combina poche buone. La carburazione è lenta. Non sembra il fulmine di guerra decantato da Buffy. Magari un prestito all’Atalanta gli farebbe bene. Ma ci serve ora.

Cuadry

Il novello Padoin. Dove lo metti, sta. E pure da mezzala fa vedere che essere dinamici si puote et non est peccato contra natura.

Berny

Il mio nuovo pupillo mette ancora una volta alla prova la mia fede in lui. Ma io non scendo dal carro, fino alla finale.

Ronny

Gli manca chi lo inneschi di giustezza. Poi entra Dybby e spadroneggia. Rischia di restare offeso per l’abbraccio troppo caloroso d’un invasore aspirinomane.

Higuy

Sonnecchia e imbusta. Imbusta e sonnecchia. Dove si firma?

Dybby

Altro pianeta. Un delitto non farlo giuocare sempre e a prescindere.

Matuy

Entra bello tonico e con un cacciavite in mano fa miracoli, mettendo a posto il centrocampo traballante.

Mury

Facce nuove canterane cercansi. A quando l’andare a San Siro con la nostra cantera dop a spadroneggiare con la cartonanza? (Sigh).

Sarry

Record di punti eguagliato. Ma il gioco ancora è 98% acciughiano. Passerà?

Inda

Garantisce da sempre inaspettate emozioni. Ed è subito video celebrativo tiktokcante. Sniff.

A Natale, solo nei migliori negozi, in edizione limitata. Se potete, inter-cettatene una copia cartonata, andrà a ruba. E, come nelle migliori tradizioni, vince chi arriva terzo.

#JuventusAtleticoMadrid – le #pagellonze nottambule.

Cosy Ringrazia amici e avversari per questo clinscìt, ma dalle sue parti, quando si balla, lui c’è.

Descy Due indizi faranno una prova? Vuoi vedere che, zitto zitto… chetati, cor mio.

Dely Superlativamente sopravvalutatamente, per dirla alla Cetto Latifosoqualunque.

Bonny Sembra il vecchietto saggio amico dello sceriffo in quei western d’antan. Preziosissimo.

Dany Non ruba l’occhio, ma non fa danni cancelosi. Chi si contenta…

Pjany Gigioneggia, illumina, rintuzza, cesella e talvolta s’impippisce sulle punizie. Capita anche ai migliori.

Benty Buona prova, tipo quella di Amsterdam l’anno scorso. In Champions sembra tirar fuori più garra e strafottenza. Buon segno, se segnasse pure.

Matuy Solito 6 e mezzo in cassaforte. Hai detto cotica.

Ramsy. Sembra il baffetto del Trio Medusa. Elegante, felpato, simpatico, effervescente, leggerino anzichenò.

Ronny Altra serata da babbucce. Eppure, con un arbitro normale sarebbero due espulsioni provocate. E qualche sprazzo incoraggiante. In attesa di tempi migliori, va bene così, forse.

Dybby Gioca, si diverte, segna e delizia. E non s’incazza manco per la sostituzione. Sarriball in buca d’angolo.

Higuy Entra voglioso, combina poco. Strano.

Berny Chi ha fatto palo? Eppure, continuo a crederci. A dispetto delle prove a sfavore, per me ha ancora un suo why e un suo because in questa Juve.

Khedy Potrebbe mettere in ghiaccio la partita. Ma è ancora freddo. Ma non ancora orizzontale.

Sarry Cortomuso colpisce ancora. E la mancata sostituzione di CR7 è un fine atto diplomatico di real politik. Il gioco verrà, prima o poi. Quasicertamenteforse.

Lokomotiv-Juve. Le #pagellonze con fritto misto di #meme vari. #Juventus

Un bel post sanatoria mi ci voleva proprio. Ma prima pagellonziamo, va’, ché poi mi scordo e sai che perdita per l’umanità intiera.

Sceszny. Mmazza che freddo. Manco un tiro per scaldarsi un po’ le mani, o quasi.

Dany. Di provare, ci prova. Ma Cancy era un’altra roba. Forse pure Descy.

Alexy. Macina, macina. E arriva sempre in orario.

Rughy. Inventore del marcamento a distanza, una roba tipo telelavoro. Roba che a Chielly gli si sono ribaltati crociati e polpacci nella tomba.

Bonny. Al posto giusto nel momento giusto. Tipo Ancelotti o Conte, ma al contrario. Guarda, Matthjis, senza mani!

Pjany. Qualche palletta sanguinolenta la perde anche lui, ma tutto finisce in gloria anche grazie alla sua sagacia. E tanto bastava.

Raby. Non ne azzecca tante, ma almeno si applica. A sette miglioni l’anno, lo farei pur’io.

Khedy. Solita partita giudiziosa blablabla e pressoché anonima.

Ramsey. Ruba impunemente il gol a Cr7. Se la tv c’insegna qualcosa, a gennaio rischia di essere sbranato dai suoi stessi cani.

Ronny. Sarri si macchia di lesa maestà e gli va di lusso (il famoso cul de Sar) che Bonny salva e Costy maramaldeggia. Peccato, Cristy voleva dedicare il gol al povero Izzo, con tanto di toppa celebrativa in edizione limitata.

Higuy. Il tacco per Costy è una sciccheria che vale per tutti i 90 minuti.

Costy. Mink, che goal. Nella mia testa, così.

Benty. Regala, in concorso con l’ineffabile Rughy, una ripartenza sanguinosissima su cui per fortuna Bonny fa il fenomeno. Meglio sopravvolare e forse monetizzare.

Dybby. 8 minuti che rischiavano di passare alla storia tipo i 6 di Rivera nel ’70. Bello l’abbraccio finale.

Sarry. Riuscitissima, finora, l’imitazione del cortomuso allegriano. Per lo spettacolo, c’è sempre il circo Inda o il cinepanettone in salsa partenopea.

Io, al gol di Costy.